Maskne o Acne da Mascherina: Cos’è?

maskne o acne da mascherina

In questo articolo vediamo quali sono gli aspetti che portano alla Maskne e come rimediare.

Premessa

La pandemia di COVID-19 ha portato molti cambiamenti nella vita delle persone, incluso l’indossare quotidianamente una mascherina protettiva quando ci si trova in luoghi pubblici. Quest’abitudine è d’indubbia utilità per aiutare a rallentare e prevenire la diffusione del virus SARS-CoV-2, in associazione alle altre misure di sicurezza utili al contenimento ed alla gestione della malattia infettiva, come la corretta igiene delle mani ed il già menzionato distanziamento sociale.

Cos’è la MASKNE?

Maskne
Maskne, foto presa da https://oryon.co.uk/blog/maskne/

E’ stato notato che portare sempre la mascherina potrebbe causare o acuire l’acne e altre problematiche della pelle. La si è definita “Maskne”, che viene dall’unione dei termini “Mask e Acne”

La Maskne si localizza soprattutto su guance, mento, contorno labbra e naso.

Si manifesta con rossore, prurito e comparsa di brufoletti bianchi nelle aree coperte dalla mascherina e, nelle persone predisposte, aggrava le eruzioni acneiche.

È ovviamente un effetto collaterale di poco conto, tenendo presente quanto invece ci protegga la mascherina.

Cause

La prima causa è stata definita anche acne meccanica, soprattutto per quel che riguarda le pelli sensibili, nei punti del viso dove è appoggiata la mascherina, a causa dello sfregamento e del basso ricircolo di aria, può causare irritazioni, rash cutanei e abrasioni di minima entità. 

In altri casi, l’ostruzione dei pori non consente al sudore di fuoriuscire, infiammando la pelle e portando a un’eruzione pruriginosa. In sostanza ciò avviene perché la mascherina mantiene sulla pelle una maggiore quantità di anidride carbonica, più umidità, temperature più alte, oltre a batteri e microrganismi.

Gli individui che soffrono di dermatiti, o di rosacea, ne vedranno un peggioramento dei sintomi. Sono entrambi disturbi della pelle, che necessitano del minor contatto e/o sfregamento con altri oggetti e, soprattutto, è sempre bene non tenere le aree di pelle interessate ad alte temperature o a tassi di umidità elevati.

Quali tipi di mascherine sono migliori per la pelle?

Quando necessario, indossare una mascherina monouso e pulita è probabilmente l’opzione migliore per prevenire la Maskne.

Le mascherine chirurgiche possono essere sostituite frequentemente, pertanto viene minimizzata la possibilità che il sebo e lo sporco si concentri nello strato a contatto con la pelle del viso, peggiorandone le dermatosi (acne, dermatite irritativa ecc.).

Le mascherine FFP2 e FFP3 rispondono a requisiti per una perfetta aderenza, quindi correlano ad un rischio particolarmente elevato di predisporre a lesioni a causa dell’attrito e dell’accumulo di umidità. Però sono quelle che ci proteggono maggiormente dal virus.

In generale, per evitare sfregamenti e danni alla pelle, la mascherina non dovrebbe essere troppo stretta. Sostituire dopo ogni utilizzo questi dispositivi è, inoltre, la pratica più sicura per il contenimento della diffusione de del SARS-CoV-2: le mascherine usa e getta non dovrebbero essere riutilizzate.

Qualora si scegliesse di utilizzare una mascherina di stoffa, invece, è necessario lavarla ogni giorno.

Come Prevenire e Curare la Maskne

Nel caso in cui si soffre di disturbi della pelle, vi consiglio di consultare il vostro medico o un dermatologo, che saprà consigliarvi in base al vostro singolo caso.

In via generale si possono evitare le irritazioni e gli arrossamenti che portano a maskne con semplici buone abitudini:

  • Evita il più possibile fondotinta e trucco sotto la mascherina: anche se solitamente non ti danno reazione l’umidità e l’attrito possono peggiorare la condizione della tua pelle, rendendola più reattiva;
  • Se ti ritrovi la pelle irritata dopo aver indossato la mascherina, appena la togli detergi il viso con un detergente delicato e acqua tiepida oppure con cotone e tonico/acqua micellare.
  • Usa creme barriere alla vasellina o spray protettivi al silicone prima di indossare la mascherina, ad esempio la crema in barattolo di Cerave , oppure l’unguento di Cerave;
  • Se riutilizzi la mascherina più volte assicurati di detergerla accuratamente dopo ogni utilizzo secondo quanto indicato sulla confezione;
  • Evita di prendere il sole sulle zone irritate per non ritrovarti con zone più scure in seguito a iperpigmentazione da irritazione;
  • Applica cerotti di idrocolloide sulle lesioni causate dalla mascherina e sulle zone a rischio, avendo cura di non compromettere l’adesione del DPI (li trovate su Amazon a questo link).

(I link inclusi sono referral, cliccandoci e acquistando dai link potrei ricevere una piccola percentuale che non andrà a influire sul prezzo finale e aiutereste a supportare la pagina. I link YesStyle vi portano ad uno sconto direttamente applicato al prodotto del link, io riceverò una piccola percentuale che arriverà a me sotto forma di buono sconto per i miei prossimi acquisti. Le mie opinioni non sono influenzate da questo e non sono prodotti sponsorizzati).

Per l’acne causata dalla mascherina possono essere utili i seguenti principi attivi:

Ingredienti e prodotti che possono essere utili per mantenere la cute sana:

 

Prodotti per la cura della pelle da EVITARE

Se la tua skincare prevede prodotti anti-acne al mattino, è possibile considerare (se e quando possibile) di posticipare l’applicazione al rientro a casa o adottare questo regime per la notte. La maggior parte dei cosmetici per la gestione dell’acne si concentra, infatti, sull’esfoliazione (l’effetto peeling può rendere ulteriormente reattiva la pelle, portando via le cellule superficiali e il sebo in eccesso) o sul controllo della produzione sebacea per asciugare le impurità ed opacizzare. Meglio quindi destinare l’applicazione dei prodotti destinati alla cura dell’acne ad altri momenti della giornata, poiché potrebbero rendere la mascherina molto scomoda da mantenere in sede.

E tu hai mai sofferto di maskne?

Se ti è piaciuto questo articolo, iscriviti alla mailing list e leggi anche:

Edeline recensione dell’intera linea

Tipologie di detergenti

Detergente viso: perché è così importante?

Voi ricevere esclusivi sconti dedicati a te? Vuoi rimanere sempre aggiornato sugli ultimi articoli?

É semplice: inserisci la tua mail qui sotto e iscriviti ora alla mailing list. Cosa aspetti?

close

Voi ricevere esclusivi sconti dedicati a te? Vuoi rimanere sempre aggiornato sugli ultimi articoli?

É semplice: inserisci la tua mail qui sotto e iscriviti ora alla mailing list. Cosa aspetti?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *